Avvocati Part Time

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Cassazione 529/2012 ribadisce quanto sia ampio oggi il potere del Consiglio Nazionale Forense

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

(da www.servizi-legali.it )

Le Sezioni unite civili della Suprema corte hanno sancito tra l'altro, nella sentenza n. 529, depositata il 17 gennaio 2012, che il Consiglio nazionale forense “non è vincolato alla definizione dell’illecito quale scaturisce dal testo delle disposizioni del codice deontologico forense, essendo libero di individuare l’esatta configurazione della violazione tanto in clausole generali richiamanti il dovere di astensione da contegni lesivi del decoro e della dignità professionale, quanto in diverse norme deontologiche, o anche di ravvisare un fatto disciplinarmente rilevante in condotte atipiche non previste da dette norme”. La sentenza 529/2012 ribadisce, dunque, quanto sia ampio oggi il potere del Consiglio Nazionale Forense: Non si dimentichi, infatti, che il Consiglio Nazionale Forense è giudice speciale ma anche legislatore di settore e amministratore.
SECONDO ME IL POTERE DEL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE E' TROPPO AMPIO: SAREBBE ORA DI RIDURLO, NELLA IMMINENTE (deve intervenire entro il 13 agosto 2012) REGOLAZIONE DELLA PROFESSIONE FORENSE CON REGOLAMENTO GOVERNATIVO. 

La questione che ha dato luogo all'intervento delle Sezioni Unite riguardava la legittimità o meno dell'uso, da parte di un avvocato, di tecniche dilatorie nei confronti di un collega avvocato, nonchè la legittimità o meno di comportamenti poco trasparenti, finalizzati ad indirizzare la soluzione della controversia in un certo modo.

Leggi di seguito uno stralcio della sentenza della Corte di Cassazione, Sezioni unite civili , n. 529 del 17 gennaio 2012 (estensore Canevari, presidente Rovelli) ...

"Motivi della decisione

 

1. - Con il primo motivo di ricorso si lamenta la violazione dell'art. 38 r.dl. n. 1578 del 1933, che fa divieto di commettere fatti non conformi al decoro e alla dignità professionale. Si osserva al riguardo che rientra tra i doveri del difensore quello di non compiere atti che possono recare danno al proprio assistito: il diritto di difesa prevale sul rapporto di colleganza. Né è rinvenibile nella disciplina del processo civile un obbligo per la parte e per il suo difensore di essere completo nelle allegazioni né di avvantaggiare la controparte, salva la ricorrenza del dolo revocatorio: e ciò che è processualmente lecito non può essere deontologicamente scorretto.

...

2.2. - Posto che le previsioni del codice deontologico forense hanno la natura di fonte meramente integrativa dei precetti normativi e possono ispirarsi legittimamente a concetti diffusi e generalmente compresi dalla collettività, il Consiglio Nazionale Forense non è vincolato alla definizione dell'illecito quale scaturisce dal testo delle disposizioni del codice deontologico forense, essendo libero di individuare l'esatta configurazione della violazione tanto in clausole generali richiamanti il dovere di astensione da contegni lesivi del decoro e della dignità professionale, quanto in diverse norme deontologiche, o anche di ravvisare un fatto disciplinarmente rilevante in condotte atipiche non previste da dette norme.

2.3. - Nella specie, il Consiglio nazionale forense ha motivatamente ritenuto che, nella specie, l'avv. G. abbia manifestato la volontà di indurre il collega in errore con l'omissione voluta di una circostanza decisiva, quale la detenzione dei libretti in capo ad altri, e che ciò abbia costituito comportamento strumentale per ritardare la realizzazione del diritto altrui facendo divenire il collega di controparte strumento inconsapevole della realizzazione del suo disegno dilatorio, ed ha ritenuto che tale comportamento, per la sua ambiguità, costituisca violazione di quei doveri di correttezza, lealtà e colleganza che sono ricompresi nel più ampio precetto di cui all'22 del codice deontologico.

3. - Con il secondo motivo si deduce la omessa e insufficiente motivazione su fatto controverso decisivo. La decisione del Consiglio nazionale forense prescinde totalmente da fatti decisivi prospettati dall'attuale ricorrente, e, in particolare, dal fatto che la sentenza in relazione alla quale l'avv. Dalla N. pretendeva i libretti per l'incasso atteneva a domanda preliminare di riduzione per lesione di legittima e alla domanda di divisione di asse ereditano costituito da somma di danaro depositata in banca e rappresentata da tre libretti cointestati ai due eredi e vincolati all'esito del giudizio o transazione. Detta decisione era una sentenza parziale relativa alla prima fase dell'accertamento preliminare del contenuto del diritto del legittimario leso, cliente della ricorrente, e fino al momento della formazione del giudicato su di essa non si sarebbe potuto procedere alla fase della formazione delle quote né a quella successiva dell'attribuzione delle stesse. Tali temi, che non sorreggevano, secondo la ricorrente, l'asserita doverosità di comunicare il luogo di conservazione dei libretti per consentire alla controparte di procedere esecutivamente, erano stati inutilmente rappresentati al C.O.A. e, successivamente, al Consiglio nazionale forense , che, però, non li ha considerati. Mancherebbero, comunque, nella decisione impugnata i requisiti strutturali dell'argomentazione.

...

4.2. - Risulta, invero, inconferente il richiamo alla natura del giudizio divisorio ed alla fase in cui si colloca in esso la sentenza in relazione alla quale l'avv. Dalla N. chiedeva i libretti per l'incasso, atteso che la contestazione mossa alla attuale ricorrente era quella di un comportamento integrante un non lineare percorso difensivo, essendo le giustificazioni addotte a motivazione della indisponibilità ad un incontro finalizzate alla realizzazione del complessivo disegno volto a far permanere una situazione di ambiguità che inducesse il legale di controparte a confidare nella possibilità di raggiungere una definizione stragiudiziale della controversia.

5. - Con la terza doglianza si deduce error in procedendo, violazione dell'art. 112 cod.proc.civ., violazione della corrispondenza tra chiesto e pronunciato, nullità della sentenza. La decisione impugnata omette - si osserva nel ricorso - di pronunciarsi sulla terza censura, relativa alla errata determinazione dell'entità dell'offesa all'etica forense ed alla inadeguatezza della sanzione irrogata. Il Consiglio nazionale forense avrebbe errato nel non delibare la proporzionalità della sanzione con riferimenti al caso concreto.

6. - Il motivo è infondato, sol che si consideri che la decisione del Consiglio nazionale forense. si sofferma specificamente sul punto della adeguatezza della sanzione irrogata, considerando equa quella della censura, avuto riguardo alla condotta ambigua e contraddittoria dell'incolpata, tra l'altro protratta nel tempo e dettata da un preciso disegno dilatorio.

7. - Con il quarto motivo, si lamenta la violazione dell'art. 111 Cost., per la motivazione carente/inesistente con conseguente nullità della pronuncia per difetto di requisito di forma indispensabile. Si denuncia la carenza della esposizione dei motivi di fatto e di diritto della decisione, la quale sarebbe passata dalla enunciazione dei fatti di prova, costituiti dalle lettere della attuale ricorrente, al giudizio di responsabilità disciplinare senza esplicitare quali sarebbero le frasi che violano i doveri di colleganza ed il decoro professionale, quali le circostanze da cui inferire l'elemento soggettivo dell'illecito, quale il fine sotteso.

...

8.2. - La decisione impugnata contiene una articolata e dettagliata descrizione dei fatti posti a suo fondamento, ed una puntigliosa ed analitica ricostruzione del percorso logico che ha indotto il Consiglio nazionale forense a ravvisare nei fatti esposti la violazione contestata, alla luce del comportamento tenuto dalla incolpata e delle ragioni e finalità che lo avevano orientato.

9. - Conclusivamente, il ricorso deve essere rigettato. Non v'è luogo a provvedimenti sulle spese, non essendo stata svolta attività difensiva dagli intimati.

P.Q.M.

Rigetta il ricorso.

Depositata in segreteria il 17 gennaio 2012".

 

Pubblicità


Annunci

Vale sempre la pena di fare una domanda, ma non sempre vale la pena di dare una risposta (O. Wilde)