Avvocati Part Time

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Superare il corporativismo con la legge "Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche"

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

E' stato presentato in Senato, a luglio, 2014, il disegno di legge n. 1577, "Riorganizzazione delle amministrazioni pubbliche". All'art. 8 ("Definizioni di pubblica amministrazione") stabilisce che "A decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, al fine dell’individuazione dell’ambito di applicazione delle disposizioni normative che vi facciano espresso riferimento, si intende per: a) <<amministrazioni statali>> ...;  b) <<amministrazioni nazionali>> ...; c) <<amministrazioni territoriali>> ...; d) <<amministrazioni di istruzione e cultura>> ...; e) <<amministrazioni pubbliche>>: le amministrazioni nazionali, quelle territoriali,quelle di istruzione e cultura, nonché gli ordini professionali; f) <<soggetti di rilievo pubblico>> ...; g) <<organismi privati di interesse pubblico>>... . Gli Ordini professionali, dunque, vengono semplicemente definiti <<amministrazioni pubbliche>>.

Pirima di tutto una vignetta potente sui rischi del corporativismo, che è il tipico rischio di una regolazione delle pubbliche amministrazioni che elevi gli Ordini a soggetti pubblici.

Gli Ordini professionali non possono continuare ad avere la botte piena e la moglie ubriaca, come garantisce il regime corporativo che continua a vivere attraverso l'attuale regolazione delle professioni ordinistiche. Questo superamento (costituzionalmente dovuto) del sostanziale corporativismo degli Ordini professionali (ancora definiti enti pubblici non economici a carattere associativo) dovrebbe essere chiesto soprattutto dalla "base", dai milioni dii professionisti che, oramai proletarizzati, non beneficiano più dei frutti del regime corporativo. Tali frutti, è indiscutibile, sono ormai appannaggio esclusivo dei "vertici" delle varie professioni ordinistiche, mentre la stragrande maggioranza dei professionisti è "carne da macello" (ad es. false partite IVA).

Comunque, è evidente l'insostenibilità, logica ancor prima che giuridica, di talune richieste, tra loro incompatibili, che giungono dai vertici delle varie professioni regolamentate in Ordini:

non si può, da una parte, chiedere il rigetto di “ogni assimilazione degli Ordini professionali alla pubblica Amministrazione statale” (argomentando, come fa il Presidente del Consiglio Nazionale Forense, che “l’accettazione di compiti pubblici delegati che ci consentono di portare benefici al Paese, pur con grande sacrificio, non sono omologanti”, e che “gli ordini professionali sono sostenuti esclusivamente dai contributi degli associati, e quindi non fanno parte né dell’apparato della P.A., né sono soggetti al controllo della Corte dei Conti, ma solo alla vigilanza del Ministero della Giustizia”) e, dall'altra parte chiedere che l'ente Ordine professionale sia pubblico quando si tratta di mantenergli la titolarità di ampissimi poteri amministrativi e addirittura, in certi casi, giurisdizionali.

Afferma il Presidente del Consiglio Nazionale Forense (il più speciale di tutti gli Ordini, stante l'eccezionalità regolamentare sancita con l. 247/2012) che l'autonomia e l'ndipendenza delle professioni intellettuali deve potersi garantire anche rispetto ad una “concezione meccanica della concorrenza che ignora le peculiarità dell’attività professionale, assimila irrazionalmente l’ attività professionale alla attività d’impresa dimenticando che la stessa Carta dei diritti fondamentali distingue nell’art.15 la libertà professionale e nell’art.16 la libertà d’impresa e che la stessa giurisprudenza della Corte di Giustizia Ue non si spinge fino al punto da equiparare le due attività in modo uniforme, conservandone i tratti distintivi” ... “ Libertà, indipendenza e autonomia, competenza e correttezza sono infatti i valori irrinunciabili che fondano le professioni, sempre ovviamente, sotto l’egida della legge e nel rispetto delle regole etiche”. Ebbene, al riguardo occorrerebbe considerare diversamente la giurisprudenza della Corte di giustizia (a partire dalla sentenza sulla causa C-550/07). Sul punto vedi anche i miei articoli qui raggruppati nella categoria "il mito dell'indipendenza dell'avvocato".

Dimenticavo: al riguardo che giudizio dare del nuovo bando INPS per avvocati esterni ? Si legge su ilsole24ore dell'8/11/2014, sotto il titolo "INPS: da lunedì via alle nuove domande": "Lunedì 10 novembre parte la nuova procedura per acquisire la disponibilità di avvocati esterni, come procuratori domiciliatari e/o sostituti d'udienza. Le domande potranno essere presentate esclusivamente in via telematica, tramite il sito dell'Istituto (www.inps.it) dalle ore 9 del 10 novembre alle ore 24 del 10 dicembre 2014". Sento odore di parasubordinazione e carenza di indipendenza sostanziale degli avvocati che saranno scelti come domiciliatari e/o sostituti d'udienza!  Sarebbe interessante sapere cosa ne pensano il C.N.F. e l'Antitrust, soprattutto in relazione alla previsione dell'art. 9, comma 2, del "Regolamento per il conferimento di incarichi legali a professionisti esterni per il patrocinio e la rappresentanza in giudizio dell'INPS", per cui "Salvo casi eccezionali, da concordarsi preventivamente per controversie di particolare complessità, l'Istituto, ai fini della remunerazione, fa riferimento ai minimi tariffari sia per quanto concerne gli onorari sia per quanto concerne i diritti".  IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE, A MIO AVVISO, DOVREBBE INTERVENIRE CONTRO UNA TALE REGOLAMENTAZIONE DELLA REMUNERAZIONE DELL'AVVOCATO DOMICILIATARIO O SOSTITUTO D'UDIENZA DELL'INPS; DOVREBBE TUTELARE L'INDIPENDENZA IN CONCRETO DI MIGLIAIA DI AVVOCATI E NON RECLAMERE LA SALVAGUARDIA DI UNA INDIPEDENZA ASTRATTA CHE SERVE SOLO A PERPETUARE IL SISTEMA DELLE FALSE PARTITE IVA CHE MASCHERANO UNA SOSTANZIALE PARASUBORDINAZIONE DI DECINE DI MIGLIAIA DI AVVOCATI.

 

... e ricorda, per sapere tutto sulla negoziazione assistita da avvocati segui www.negoziazione-assistita.it , il sito che vuol fornire (gratuitamente) a tutti gli avvocati gli strumenti per interpretare al meglio il nuovo ruolo dell'avvocato al tempo della "degiurisdizionalizzazione". E ancora, per far meglio valere il tuo diritto al libero lavoro intellettuale, aderisci e invita altri ad aderire al social network www.concorrenzaeavvocatura.ning.com e aderisci al gruppo aperto "concorrenzaeavvocatura" su facebook (contano già centinaia di adesioni). Unisciti ai tanti che rivendicano una vera libertà di lavoro intellettuale per gli outsiders e, finalmente, il superamento del corporativismo nelle professioni...

 

Pubblicità


Annunci

"Nulla è più duro della pietra e nulla è più molle dell'acqua. Eppure la molle acqua scava la dura pietra". (Ovidio)