Avvocati Part Time

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Rito appalti: decreto del Presidente del Consiglio di Stato su numero di pagine degli atti

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Dal sito della giustizia amministrativa: Decreto del Presidente del Consiglio di Stato n. 40/2015 e comunicazione del Presidente in materia di dimensioni del ricorso e degli altri atti difensivi nel rito appalti. E’ in corso di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale il Decreto n.40 del 25 maggio 2015, con il quale il Presidente del Consiglio di Stato ha dato attuazione all’art. 120 del Codice del Processo Amministrativo, come modificato dall’art. 40 del d.l. 24 giugno 2014, n. 90, convertito nella l. 11 agosto 2014, n. 114.  FINE DEL COMUNICATO

A mio avviso è incostituzionale (per violazione del diritto di difesa di cui all'art. 24 della Costituzione) consentire che un decreto del Presidente del Consiglio di Stato ponga limiti di lunghezza degli atti processuali di parte. La Corte costituzionale s'è espressa su questione parzialmente analoga (divieto di nominare più consulenti nel processo penale) con sentenza345/1987.

... e ricorda, per sapere tutto sulla "negoziazione assistita da avvocati" segui www.negoziazione-assistita.it , il sito che vuol fornire (gratuitamente) a tutti gli avvocati gli strumenti per interpretare al meglio il loro nuovo ruolo al tempo della "degiurisdizionalizzazione".

E ancora, per far meglio valere il tuo diritto al libero lavoro intellettuale, aderisci e invita altri ad aderire al social network www.concorrenzaeavvocatura.ning.com e aderisci al gruppo aperto "concorrenzaeavvocatura" su facebook (contano già centinaia di adesioni). Unisciti ai tanti che rivendicano una vera libertà di lavoro intellettuale per gli outsiders e, finalmente, il superamento del corporativismo nelle professioni...

 

Pubblicità


Annunci

Sembra che si ignori la bellezza sottile che è nel dubbio. Credere è molto monotono, il dubbio è profondamente appassionante. Stare all'erta, ecco la vita; essere cullato nella tranquillità, ecco la morte (O.Wilde)