Bloccare UBER è come dire che solo gli avvocati possono fare consulenza legale: una stupidaggine

Diritto dei trasporti - UBER
Stampa
Valutazione attuale: / 5
ScarsoOttimo 

NEL CONTESTARE INNANZI AL GIUDICE LA CORRETTEZZA DELL'ORDINANZA DEL TRIBUNALE DI MILANO DEL 25/5/2015, UBER (EVITANDO DI ENFATIZZARE CHE L'APPLICAZIONE "UBER POP" E' SOLO UNA "ESPRESSIONE DELLA NUOVA CONCEZIONE DI UTILIZZAZIONE DELL'AUTOVETTURA IN MANIERA CONDIVISA"), VINCERA' A MANI BASSE CONTRO LA CORPORAZIONE DEI TASSISTI.

IN PARTICOLARE UBER VINCERA' SE SOSTERRA' INNANNZI AL GIUDICE LA OBBLIGATORIA DISAPPLICAZIONE DELLART. 82 DEL CODICE DELLA STRADA, RECESSIVO A FRONTE DELLA REGOLAZIONE U.E. (LA QUALE, OLTRE ALLA "CONDIVISIONE DEL TRASPORTO SU STRADA", PERMETTE -E PER FORTUNA- NON SOLO L'AUTOSTOP A PAGAMENTO, IL CAR SHARING E IL RIDE SHARING, MA ANCHE LA FORNITURA DI SERVIZI DI TRASPORTO COME QUELLI LA CUI REALIZZAZIONE PRATICA E' RESA POSSIBILE SOLO TRAMITE APPLICAZIONI COME "UBER POP").

Le lezioni che, alla fine, si trarranno dal caso UBER saranno due:

1) che una app fatta bene può indirettamente tutelare l'interesse pubblico molto meglio di quanto lo facciano quei soggetti controllori (pubblici o emanazioni di corporazioni di privati professionisti) che in fatto omettono di svolgere a fondo i difficili controlli per la realizzazione effettiva dei quali sono stati creati (si veda il recente caso della condanna al risarcimento di 200 mila euro, da parte del Tribunale di Roma, comminata nei confronti del Comune e della CCIAA di Roma che, ponendo in essere "una grave omissione in ordine alla tenuta dell'albo", non avevano cancellato dall'albo un tassista, poi condannato per omicidio, che già in passato s'era reso responsabile di violenze ed era pregiudicato e dunque doveva già da tempo esser stato cancellato dall'albo);

2) che ormai le scelte di apertura o di chiusura dei mercati dei servizi devono esser fatte dai regolatori pubblici partendo dalla definizione di "mercato rilevante" elaborata dal diritto dell'Unione europea (ad esempio, devono essere riconosciuti legittimi, nel campo dei trasporti, sia il servizio di taxi tradizionale sia il servizio erogato da "UBER POP" e, nel campo dei servizi legali, sia il servizio di rappresentanza e difesa in giudizio riservato agli avvocati, sia il servizio di consulenza legale aperto a tutti. In altri termini, per rimanere nell'esempio, data la diversità dei mercati rilevanti, si potrà dire che i taxi stanno al servizio professionale legale di rappresentanza e difesa in giudizio come "UBER POP" sta alla consulenza legale).

... e ricorda, per sapere tutto sulla "negoziazione assistita da avvocati" segui www.negoziazione-assistita.it , il sito che vuol fornire (gratuitamente) a tutti gli avvocati gli strumenti per interpretare al meglio il loro nuovo ruolo al tempo della "degiurisdizionalizzazione".

E ancora, per far meglio valere il tuo diritto al libero lavoro intellettuale, aderisci e invita altri ad aderire al social network www.concorrenzaeavvocatura.ning.com e aderisci al gruppo aperto "concorrenzaeavvocatura" su facebook (contano già centinaia di adesioni). Unisciti ai tanti che rivendicano una vera libertà di lavoro intellettuale per gli outsiders e, finalmente, il superamento del corporativismo nelle professioni...