Avvocati Part Time

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Cumulo pensione / reddito professionale (circ. INPS 1/09)

E-mail Stampa PDF
Valutazione attuale: / 0
ScarsoOttimo 

Image La circolare INPS n. 1/2009, tra l'altro, tratta anche della cumulabilità tra reddito da pensione INPS e reddito professionale. Vi si afferma anche che "la nuova disciplina in materia di cumulo non si applica:... ai lavoratori che trasformano il rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale". Leggi di seguito uno stralcio dalla circolare INPS n. 1/2009.

per un commento scrivimi all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   e per le news precedenti clicca su "Notizie" nella colonna di sinistra

Stralcio dalla circolare INPS n. 1 del 2009:
11. Applicazione delle disposizioni relative all'abolizione dei limiti al cumulo tra pensione e redditi di lavoro.
Con la circolare n. 108 del 9 dicembre 2008 è stata illustrata la nuova disciplina  del cumulo delle pensioni di anzianità a carico dell’assicurazione generale obbligatoria e delle forme sostitutive ed esclusive della medesima introdotta dall’articolo 19 della legge 6 agosto 2008, n. 133, di conversione del decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 195 del 21 agosto 2008 - S.O n. 196 .
Dal 1° gennaio 2009 le pensioni di anzianità ed i trattamenti di prepensionamento a carico dell’assicurazione generale obbligatoria e delle forme sostitutive ed esclusive della medesima sono totalmente cumulabili con i redditi da lavoro autonomo e dipendente, a prescindere dalla decorrenza della pensione stessa.
La nuova disciplina in materia di cumulo non si applica:
-         ai lavoratori che trasformano il rapporto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale;
-         ai trattamenti provvisori liquidati ai lavoratori socialmente utili;
-         agli assegni straordinari per il sostegno del reddito.
Dal 1° gennaio 2009, sono interamente cumulabili con i redditi da lavoro autonomo e dipendente le pensioni di vecchiaia anticipate liquidate interamente con il sistema contributivo in favore di soggetti con un'anzianità contributiva pari o superiore a 40 anni ovvero in favore di soggetti con età pari o superiore a 65 anni per gli uomini e 60 anni per le donne.
Contestualmente, la citata disposizione abroga anche il comma 21 dell'art. 1 della legge 335/1995, che disciplinava il regime di cumulo per le pensioni di vecchiaia contributive.
In fase di prima attuazione, la nuova disciplina è stata applicata alle pensioni liquidate con il sistema retributivo e misto.
In attesa dei chiarimenti da parte dei ministeri vigilanti, sono state per il momento escluse dall'applicazione della nuova disciplina le pensioni di vecchiaia contributiva di cui alla legge 335/1995.

 

Pubblicità


Annunci

Quando ci si trova nella posizione di tutore si è costretti a darsi un contegno moralissimo ad ogni proposito; e si avrebbe il dovere di conformarvisi (O. Wilde)